"Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy"

Ricercatore del CNR IMAA premiato al Congresso Nazionale della Società Italiana di Fisica

Categoria
News
Data
06 Novembre
Telefono
+39 0971 427252
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Comitato Scientifico del 105° Congresso Nazionale della Società Italiana di Fisica (SIF) – che si è tenuto dal 23 al 27 settembre 2019 all’Aquila presso il Gran Sasso Science Institute – ha attribuito a Fabio Madonna, ricercatore dell’IMAA-CNR, il premio per la migliore comunicazione scientifica all’interno della Sezione 4 – Geofisica e fisica dell’ambiente.

Il Congresso Nazionale della Società Italiana di Fisica (SIF), che raccoglie per una settimana i fisici italiani, rappresenta il momento in cui una comunità scientifica omogenea, malgrado i diversi interessi culturali dovuti al largo spettro di settori in cui oggi si articola la Fisica, ritrova se stessa e si confronta.

La presentazione di Fabio Madonna dal titolo "Can Reference radiosounding measurements be used to improve historical time series?" evidenzia come i dati atmosferici osservati hanno un ruolo chiave nella valutazione dei cambiamenti climatici, sebbene questi siano spesso influenzati da effetti di natura non climatica che possono renderli inaffidabili per stimare lo stato attuale e l'evoluzione del clima. Nell'ambito del Copernicus Climate Change Service (C3S), è stato sviluppato un nuovo approccio, denominato RHARM (Radiosounding HARMonization) che permette l'armonizzazione dei profili di temperatura, umidità e vento dei radiosondaggi effettuati a scala globale.

RHARM emula gli algoritmi utilizzati dalla rete di riferimento GRUAN (GCOS Reference Upper-Air Network) per le osservazioni a scala globale per l’alta atmosfera che fornisce misure di radiosondaggi con la quantificazione dell'incertezza. Inoltre, RHARM omogeneizza le osservazioni storiche con un approccio di tipo statistico.
Il dataset si propone di diventare uno strumento di riferimento per le applicazioni climatiche degli utenti del Copernicus Climate Data Store (CDS).

 
 

Altre date

  • 06 Novembre

Informazioni aggiuntive