This site uses cookies to improve your experience when using it. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see the Cookie Policy page.

E' possibile difendere e contrastare da atti di vandalismo e scavo clandestino il patrimonio archeologico?

Category
Notizie
Date
01 September
Venue
Lymassol (Ciprus)
Attachment

E' possibile difendere e contrastare da atti di vandalismo e scavo clandestino il patrimonio archeologico in quelle regioni del mondo dove la sorveglianza e il controllo è impedito dalla difficile accessibilità o da conflitti armati?

Una risposta a questa domanda è data dalle sempre più avanzate tecnologie di osservazione della terra da quelle satellitari a quelle aeree, incluso i droni, che consentono oggigiorno di acquisire dati e informazioni estremamente dettagliati a diversa scala spaziale e temporale.

Tali tecnologie sono mature per un uso sistematico ed operativo in attività di monitoraggio del patrimonio archeologico con particolare riferimento a scenari di guerra?

Il 1° settembre a  Limassol (Cipro) si è svolto un Workshop  dove si  è delineato  lo stato dell'arte delle tecnologie e delle scienze osservative in campo archeologico e si sono presentati nuovi approcci al problema con applicazioni pratiche e tutorial relativi all'uso di metodi estrazione automatica e semiautomatica per la mappatura dei danni derivanti da atti vandalici e scavi clandestini legati al commercio illegale di opere d'arte.

Il workshop, con relative attività di training, è stato organizzato e coordinato da Rosa Lasaponara del CNR-IMAA e Nicola Masini del CNR-IBAM e rientra nell’ambito del progetto ATHENA, finanziato dal Programma H2020 Twinning e finalizzato alla creazione di un Centro di Eccellenza di remote Sensing per il Patrimonio Culturale a Cipro in collaborazione con la Cyprus University Technology e l'Agenzia Spaziale Tedesca (DLR).

 
 

Additional information